NEWS

DETTAGLIO NEWS

Dalle 15:04 alle 15:57
PNR Pomeriggio insieme
Gloria,Lara

ON AIR

Tortona: ulteriori restrizioni contro il gioco d'azzardo. Comunicato Stampa.

COMUNICATO STAMPA: Ulteriori restrizioni per contrastare il gioco d’azzardo patologico.

Dal 20 novembre scorso sono entrate in vigore le ulteriori restrizioni introdotte dalla Legge Regionale n. 9 del 2 maggio 2016, che interessano in particolare gli apparecchi elettronici da gioco inseriti all’interno di esercizi pubblici e commerciali, di circoli privati ed in tutti i locali pubblici od aperti al pubblico.

Nei Comuni come Tortona, con popolazione superiore a 5.000 abitanti, per tutelare determinate categorie di soggetti maggiormente vulnerabili e per prevenire il disturbo da gioco, è vietata la collocazione di apparecchi per il gioco in locali che si trovano ad una distanza, misurata in base al percorso pedonale più breve, inferiore a cinquecento metri dai luoghi sensibili come: istituti scolastici di ogni ordine e grado, centri di formazione per giovani e adulti, luoghi di culto, impianti sportivi, ospedali, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio-sanitario, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile ed oratori, istituti di credito e sportelli bancomat, esercizi di compravendita di oggetti preziosi ed oro usati, movicentro e stazioni ferroviarie.

            In questi primi giorni di vigenza del divieto sono molte le lettere pervenute da parte di esercenti ed associazioni che chiedono al Comune di “mappare” i luoghi sensibili e le attività assoggettate al divieto o di procedere alle misurazioni delle distanze in nome e per conto degli stessi.

            A tutti è stato sostanzialmente risposto, in assoluta sintonia col dettato normativo, che al Comune competono le funzioni di vigilanza e di controllo sull'osservanza delle disposizioni introdotte dall’art. 5 della presente legge, ferme restando le competenze degli organi statali e dell'autorità di pubblica sicurezza. La violazione delle distanze comporta altresì l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000,00 a euro 6.000,00 per ogni apparecchio nonché la chiusura del medesimo mediante sigilli.

            Pertanto ogni singolo esercente avrebbe già dovuto effettuare o comunque deve provvedere per proprio conto alle verifiche del rispetto dei limiti di distanza dai luoghi sensibili imposti dalla legge per stabilire se può o meno continuare ad ospitare gli apparecchi da gioco in questione.

            Per approfondimenti si suggerisce di consultare il seguente link alla specifica pagina WEB della Regione Piemonte: http://www.regione.piemonte.it/sanita/cms2/notizie-87209/notizie-dallassessorato/4283-legge-regionale-2-maggio-2016-n-9-norme-per-la-prevenzione-e-il-contrasto-alla-diffusione-del-gioco-d-azzardo-patologico

Podcast

Scuola Diocesana di Teologia

Il direttore della scuola, Don Maurizio Ceriani, ci presenta il nuovo anno accademico.
mercoledì, 17 ottobre

Lo spazio Antituttologo: i giovani e la musica

Con la nostra insegnante Laura Tartuferi cerchiamo di cpire il rapporto dei più giovani con la musica, come la usano, come ci si avvicinano, cosa gli piace...
mercoledì, 17 ottobre

Alessandria: da città con l'università a città universitaria

Nell'ambito delle celebrazioni per gli 850 ani dalla fondazione della città, ad Alessandria si è svolto un consiglio comunale tematico con l'obiettivo di discutere dei risultati ottenuti dall'Università del Piemonte Orientale nei ...
mercoledì, 17 ottobre

La cultura e l'istruzione come fattori di identità e di coesione sociale

Le proposte culturali della biblioteca per le scuole e per il pubblico, presentate la settimana scorsa, sono spunto di riflessione per la puntata condotta da Brocks al martedì dedicata agli ...
martedì, 16 ottobre

Le birre di stagione? scopriamole con Francesco del St. George di Novi Ligure

La birra rischia di scomparire da qui a 100 anni? a noi non interessa e ne parliamo con un esperto!
martedì, 16 ottobre