NEWS

DETTAGLIO NEWS

Dalle 16:04 alle 16:57
PNR Best of
Andrea,Brocks, Lucia,Davide,Gloria,Lara

ON AIR

M y s t e r y T r a i n - “ O n c e M o r e F o r T a m p a R e d “

 

D i s c h i d e l l a S e t t i m a n a :

 

A n t r y - “ D e v i l D o n ‘ t C a r e “ ( Tres Lobas )

Non ancora diciottenne, Steve Antry scopre il blues e il suono dell’ armonica lavorando

come riparatore di binari per le Ferrovie di Tulsa , Oklahoma, la sua città natale. In seguito

molto sport ( arti marziali e hockey su ghiaccio ) e un lungo periodo di apprendistato nei

cori gospel locali, dove affina e perfeziona le notevoli qualità vocali –tre ottave di estensione-

e approfondisce la crescente fede religiosa. Ma la carriera artistica stenta a decollare e viene soffocata dall’ attività di uomo d’ affari e dalle responsabilità di padre di famiglia.

Provvidenziale, due anni or sono – l’ incontro con il produttore Peter Carson, che lo sprona

verso il tanto sospirato debutto. “Devil Don’ t Care”, inciso a Nashville con musicisti di

provata esperienza, è una piacevolissima rivelazione e si muove su un terreno dove gospel e

blues sono perfettamente complementari, pur concedendo generosi spazi a rock, pop e

sofisti-soul. Soprattutto ballate e tempi medio-lenti, che provengono dai songbooks di Gary

Nicholson, Leon Russell, Frankie Miller e Babyface, tra gli altri, e permettono alla voce di

Antry di rifulgere e svettare con la sua limpida e matura bellezza. Tra i nomi di pregio coinvolti nell ‘operazione, ci preme menzionare Dan Dugmore, formidabile suonatore di

steel”, il giovane chitarrista rock-blues Anthony Gomes e l’ ex-vocalist dei Little Feat,

Shawn Murphy, che affianca Antry in tre titoli e si ritaglia spazi privilegiati nelle intense

Prince of Peace” e “Get Up”.

 

C h r i s B a d N e w s B a r n e s - “ H o k u m B l u e s “ ( VizzTone)

Umorista satirico e pungente “comedian” con una lunga stringa di partecipazioni al

Saturday Night Live”, “Chris “Bad News” (= “Brutte Notizie” ) Barnes è anche un bluesman

ormai molto apprezzato. Per questo atteso secondo album, che arriva a due anni di distanza dal brillante esordio di “90 Proof Truth”, Barnes focalizza la propria attenzione sul

cosiddetto “Hokum Blues”, genere molto popolare tra gli anni ’20 e ‘30 del secolo scorso,

per opera di bluesmen del calibro di Tampa Red, Georgia Tom e Big Bill Broonzy, detti proprio The Hokum Boys. Con testi ai limiti della decenza, che rigurdavano quasi sempre

aspetti scabrosi come gioco d’ azzardo, alcolismo, sessualità non solo etero e prostituzione,

l’ “hokum blues” visse un periodo particolarmente felice nell’ America del Proibizionismo e

della Grande Depressione. E Barnes, a proprio agio su questo terreno molto favorevole al

suo stile, interpreta con entusiasmo e irresistibile senso dell’ umorismo questa “old time

music” imbevuta di blues e più che mai fresca e contagiosa. Insieme a lui in questo esilarante viaggio nel passato , una formazione di straordinario valore, con autentici fuoriclasse del panorama newyorkese. Vale a dire Steve Guyger ( armonica ), Jimmy Vivino

( chitarra ) , Bette Sussman ( piano ), Will Lee ( basso ) e Shawn Pelton ( batteria ). Band da

brividi per un programma da gustarsi tutto d‘ un fiato. “You gotta hook ‘em with the Hokum ! “…Parola di W. C. Handy !

 

A n d r e w C h a p m a n a.k.a. J o J o - “ Well, It’ s About Time ! “ (UpIsland)

Questo disco – l’ esordio dell’ attempato texano Andrew Chapman – ha il sapore di una vera

e propria rimpatriata tra vecchi amici e di un filo diretto tra Texas e California. Incontratisi

per la prima volta in un piccolo club di Houston ad un concerto dei fratelli Winter, gli amici

di Chapman detto Jo Jo, sono soprattutto il bassista Terry Wilson e il batterista Tony Branaugel, ormai da tempo naturalizzati californiani. Nel 1972, come The Bloontz All Stars,

incisero un album e fecero da spalla all’ eroe locale Johnny Nash, giusto nel periodo del suo hit mondiale “I Can See Clearly Now”. Poi il gruppo si sciolse e Jo Jo, insofferente nei

confronti dell’ industria musicale e delle sue regole spietate, si ritrovò ad occuparsi di

tutt’ altre faccende. Ma il feeling con la musica si risveglia in tempi recenti e gli amici di sempre, che non avevano mai abbandonato la scena, sono pronti ad accoglierlo a braccia

aperte e a stendergli un tappeto rosso per questo debutto tanto sospirato. E come recita il

titolo e ribadisce Wilson nelle note di copertina, è arrivato il “momento giusto” per sviluppare il “progetto Jo Jo”. Registrato in differenti località ( L.A., Londra, Houston, Nashville e Mobile, Alabama ), l’ album s’ impone alla nostra attenzione per il suo spigliato

e convincente passo rock, con profonde venature soul, blues, funk e pop. La “songlist”,

costituita soprattutto da brani dello stesso Chapman, di Wilson e Shake Russell con

l’ innesto di qualche “cover”, risulta molto piacevole, con aperture melodiche di sicuro impatto. Bentornato Jo Jo !

 

T h e S h e r m a n H o l m e s P r o j e c t - “ The Richmond Sessions “ ( MC )

Il 2015 è stato un anno terribile per l’ anziano Sherman Holmes, con la scomparsa del

fratello Wendell e dell’ amico Posy Dixon, compagni di viaggio per quasi mezzo secolo nella

straordinaria avventura degli Holmes Brothers. L’ affiatato trio, a partire dal folgorante e

tardivo esordio di “In The Spirit” (1980 –Rounder ) si era conquistato la simpatia del mondo

intero ( Peter Gabriel, Willie Nelson, Van Morrison, Odetta, Bill Clinton…) , con quel verace

e sanguigno impasto di blues, gospel, country, soul e doo-wop, servito in uno stile fresco e

originale. Il colpo è stato devastante , ma Sherman ha saputo reagire con coraggio e , grazie

al prezioso apporto di formidabili artisti della Virginia, sua terra d’ origine, firma a 77 anni il primo meraviglioso album solista. L’ idea iniziale di un ritorno alle radici virginiane era

nata nel 2014, quando il trio fu invitato a Richmond da Jon Lohman, musicologo e direttore del Virginia Folklife Program, a partecipare a una serie di stages con giovani musicisti locali. I concerti ebbero un successo inaspettato e in quelle serate furono gettate le basi per un vero progetto di collaborazione musicale. “The Richmond Sessions” è lo stupendo risultato finale di questo lavoro comune. Un album che ripropone la genuina mistura di bluegrass, ruspante r’n’r, gioioso gospel, country e folk. Insomma, lo stile degli

Holmes Bros., con qualche piccola aggiunta. Il programma è incredibilmente ricco e variegato, con tre brani tradizionali e , soprattutto, canzoni di autori molto noti

( V.Gill, J.Fogerty, B.Harper, D.Penn, Holland-Dozier-Holland…). Joan Osborne, amica di

vecchia data degli Holmes, si unisce a Sherman per una stupenda versione di “Dark End Of

The Street”, brano principe del soul sudista; mentre il trio gospel delle Ingramettes fornisce

un tappeto vocale da favola per tutto l’ arco dell’ opera e si supera nella emozionante e magica “Wide River”. America Roots Music a livelli celestiali. Cinque stelle ampiamente meritate e forse qualcosa in più…

 

L e A l t r e N o v i t à :

Andrea Marr, Ghalia & Mama’s Boys, Shelly Waters, Downchild, Albert Castiglia, Kelly Z,

Popa Chubby, Jimmy Carpenter, Wee Willie Walker & The Anthony Paule Soul Orchestra,

Andy T Band, Doug Schmude, Johnny Rawls, Jon Strider, Dan Zanes And Friends, Terry Robb, Susan Kane, Doug Macleod .

 

D a l P a s s a t o :

Grateful Dead, Hank Williams, The Wild Ones, Tampa Red, Ella Jenkins .

 

B e n v e n u t i A B o r d o !

Podcast

Novena di Natale: quarto giorno

Oggi si è celebrata per il quarto giorno la Novena di Natale con il Vescovo mons. Vittorio Francesco Viola, presso la Chiesa Cattedrale di Tortona. Proponiamo come sempre il nostro podcast.
mercoledì, 19 dicembre

Il GR Locale di Radio PNR del 18 dicembre

Le notizie di giornata dalla nostra redazione di Tortona e Novi Ligure.
martedì, 18 dicembre

Novena di Natale: terzo giorno

Il Vescovo celebra la Novena di Natale in Cattedrale a Tortona. Ecco l'audio della riflessione del terzo giorno.
martedì, 18 dicembre

Hsl campione d'inverno all'ultimo tuffo

I risultati non si contano, ma si pesano: ecco perchè all'Hsl Derthona bisogna festeggiare un pareggio conseguito al 92' dopo un girone disputato da dominatori. il tecnico Luca Pellegrini commenta ...
lunedì, 17 dicembre

Derthona basket, Garri: "Umili e uniti, concentrarsi sull'obiettivo"

Il capitano del Bertram Derthona dopo la vittoria a Legnano chiama il gruppo di giocatori e società a concentrarsi per raddrizzare la stagione. Gli umori dello spogliatoio in questo momento ...
lunedì, 17 dicembre